Naked Heat – Urban Decay

Questo è un post che volevo fare da tanto tempo, e finalmente ora posso scrivere tutto ciò che penso a riguardo della fantastica ultima arrivata in casa Urban Decay: la Naked Heat.

Le palette della Urban Decay non hanno bisogno di grandi presentazioni, sono semplicemente favolose, i loro ombretti sono super scriventi, burrosi e facilissimi da sfumare. I loro pack sono ogni anno più fighi e in linea con le tendenze del brand americano. Insomma, le vere beauty nerds non possono non avere almeno una delle palette di UD.

Ma andiamo a scoprire e recensire questa palette con toni caldi e vibranti.

Il pack 
Ancora prima di aprirla, sono già rimasta impressionata dal suo involucro. La confezione esterna è in cartone lucido con elementi in rilievo.
Il case della palette è pazzesco, sui colori del rosso, rame e bronzo con effetto specchio sul quale è inciso Naked Heat. Il pack è rettangolare, compatto e dotato di un ampio specchio e con all’interno un doppio pennello per stendere e sfumare gli ombretti.

Naked Heat di Urban Decay

Gli ombretti
Come le precedenti Naked, anche questa contiene 12 nuance totalmente inedite. Cinque ombretti hanno un finish shimmer e sette sono invece opachi. La gamma dei colori è ovviamente calda.
Una palette perfetta per creare tantissimi trucchi, non solo degli smokey da sera, ma anche look semplici da giorno.
E’ una palette perfetta per tutti gli incarnati, adatta sia per le bionde che per le brune, sia per chi ha gli occhi chiari e sia per chi li ha scuri. Il risultato sarà perfetto in ogni caso. Provare per credere.

Naked Heat di Urban Decay

Ma andiamo a vedere i colori nel dettaglio:

  • Ounce, avorio chiaro perlato;
  • Chaser, nude-nocciola chiaro opaco;
  • Sauced, terracotta chiaro opaco;
  • Low Blow, marrone medio opaco;
  • Lumbre, rame shimmer con riflessi perlati dorati;
  • He Devil, rosso-terracotta bruciato opaco.

Naked Heat di Urban Decay

  • Dirty Talk, rosso bruciato metallizzato;
  • Scorched, rosso scuro metallizzato con micro-iridescenza dorata;
  • Cayenne, terracotta scuro opaco;
  • En Fuego, bordeaux opaco;
  • Ashes, marrone-vinaccia scuro opaco;
  • Ember, bordeaux-ramato scuro metallizzato.

Naked Heat di Urban Decay

Il mio primo trucco con la Naked Heat
Cosa dire, ho guardato milioni di tutorial su youtube e ogni trucco era meglio dell’altro.
Ne ho sperimentato uno, utilizzando 4 colori:

  • Ounce, sotto l’arcata sopraccigliare per illuminare l’occhio
  • Sauced & Low Blow nella piega dell’occhio sfumandoli bene fra di loro
  • Ember sulla palpebra mobile ( adoro questo colore)
  • Ashes nella piega esterna dell’occhio per intensificare il tutto.

Premetto che non sono una makeup artist, anzi…. ho solo provato a ricreare un trucco visto su youtube!
Per le mie capacità il risultato mi è piaciuto molto.
Credo proprio che mi divertirò parecchio con questa palette.

Naked Heat di Urban Decay

Ho definito il trucco con il mio inseparabile eyeliner di Kat Von D, mentre sulle labbra ho messo Rosewood di Anastasia Beverly Hills.

Pro & Contro
– La pigmentazione di questi ombretti non mi ha delusa, anzi. Mi hanno stupita particolarmente le tonalità shimmer che sono molto scriventi.
– Problema comune in tutte le Naked sono le cialde molto polverose.
– Tutti gli ombretti sono morbidi e facilissimi da sfumare. Mixare le varie tonalità è davvero divertente… non oso immaginare i makeup artist professionisti come si possano sbizzarrire.
– Ho notato però che gli ombretti matte più scuri (En Fuego e Ashes) sono meno scriventi rispetto agli altri.
– La durata delle polveri è ottima, meglio ancora se fissate con un buon primer prima.
– Il pack è compatto e adoro il suo specchio all’interno e il pennello lo trovo decisamente di qualità.
– La scelta cromatica la trovo stupenda, pur non essendo assolutamente un esperta in merito.
– Il prezzo, è sempre di 51 euro come per tutte le Naked precedenti.

 

Naked Heat di Urban Decay

Insomma, prodotto promosso a pieni voti.
In assoluto la mia palette preferita di sempre.

Leave A Reply

* All fields are required